Coulture Migrante

A Como c’è chi tesse una rete i cui nodi sono fatti di realtà associative che praticano l’arte rigenerativa dell’accoglienza e della solidarietà: Eskénosen e i suoi spazi ospitali, Luminanda coi suoi progetti artistici, sociali e inclusivi, e Cou(L)ture Migrante, il laboratorio di sartoria di recupero. La Beula racconta i fili che le legano.

Libri al Sette

Libri al Sette è un sogno e una scommessa vinta di Carmen Legante. Un “paesaggio fatto di libri” nel centro della piccola Carugo, che durante il lockdown, come tante altre librerie indipendenti, si è reinventata e trasformata proseguendo con tenacia il proprio lavoro per l’accrescimento culturale del territorio.

Terra Incognita – Mattia Barone

Attraverso una conversazione con le artiste e gli artisti di Algæ Festival – La città trama (Como, giugno 2-13 giugno 2021), la Beula approfondisce ricerche e progetti presentati durante la manifestazione, per conoscerne meglio protagonistə e tematiche. Il terzo appuntamento è con Mattia Barone, scultore canturino che crea attraverso la sua arte manufatti e idoli che sembrano provenire da un mondo mitico e primitivo.

Flood, Medication Blues – Nicola Domaneschi, Marco Verdi (Mount Fog)

Attraverso una conversazione con le artiste e gli artisti di Algæ Festival – La città trama (Como, giugno 2-13 giugno 2021), la Beula approfondisce ricerche e progetti presentati durante la manifestazione, per conoscerne meglio protagonistə e tematiche. In questo secondo appuntamento, Nicola Domaneschi e Marco Verdi raccontano la ricerca del collettivo Mount Fog e le potenzialità di ampliare il potenziale espressivo delle immagini attraverso il suono.

Moreover – Collettivo Voce

Attraverso una fitta conversazione con le artiste e gli artisti di Algæ Festival – La città trama (Como, giugno 2-13 giugno 2021), la Beula approfondisce ricerche e progetti presentati durante la manifestazione, per conoscerne meglio protagonistə e tematiche. Il primo a raccontarsi è il Collettivo Voce, il cui lavoro si definisce a partire dai concetti di partecipazione e autodeterminazione.

Boyz don’t cry.

“La normalizzazione dell’emotività e della fragilità maschile può essere un primo importante passo verso l’abbattimento della mascolinità tossica. Riconoscere il complesso universo di emozioni e la fragilità che si celano dietro le apparenze permette di capire che nonostante le differenze siamo tutti più simili di quanto crediamo.” – Sabri Feki, regista di BOYZ DON’T CRY

Mondo delle Uova

Ad Arosio, da più di vent’anni, esiste un posto fatto di soluzioni artigianali, organizzazione caotica e partecipazione, che dà spazio alla musica indipendente che passa da queste parti e offre occasioni di aggregazione e collaborazione. Mondo delle Uova è una realtà che continua a resistere in un presente che continua a mortificare.

Spazio Bizzarro

C’è un posto a Casatenovo in cui apri un cancelletto, entri in un parco, cammini tra le piante e non vedi nessuno finché ti appare: un tendone da circo, un miraggio totalmente fuori luogo. Spazio Bizzarro è una realtà quasi surreale ma quasi necessaria, che offre corsi di discipline circensi organizzati da artisti d’esperienza internazionale. Il tutto proprio nel mezzo di una foresta brianzola.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto